Il fascino di REGENT`S CANAL

Non tutti conoscono questo lungo corso d’acqua che attraversa il nord del centro londinese e che si presenta come un paesaggio incantato, avulso dal resto della città.

Lungo quasi 14 km, Regent’s Canal si estende da Little Venice fino a Limehouse Basin, in Docklands, passando per Regent’s Park e tagliando in due parti il famoso London Zoo, continuando poi per Camden Town, King’s Cross e ancora Islington ed Angel, lungo un percorso quasi totalmente pedonale.

Per passeggiare con lo stesso entusiasmo dei primi 500 metri, l’ideale è dividere il percorso in due parti. Partenza fissata a Camden Market, un giorno in direzione Little Venice, quello successivo in direzione Limehouse.

Pronti, partenza… let’s go! 🙂

Già dalla prima scaletta che dalla strada principale porta giù a riva, ci si dimentica di essere in una delle metropoli più grandi del mondo. Una serie di platani secolari accolgono il visitatore in una dimensione quasi fantastica, dove il profumo delle piante lo avvolge mentre i colori riempiono i suoi occhi.

Qui si possono fare incontri di ogni tipo: dai runner, alle famiglie con bambini, dai gruppi di ragazzi che sorseggiano birra strimpellando e intonando (a volte in modo discutibile) qualche vecchia canzone, alle buffe famiglie di anatroccoli e paperelle che ti sorpassanno in acqua nuotando in fila indiana.
E così ogni passeggiata diventa singolare: non sai mai cosa mettere a fuoco prima e cerchi di immortalare ogni centimetro visti i repentini cambi di paesaggio.

Da grandissima fan della street art non posso non citare i bellissimi murales colorati che impreziosiscono le pareti lungo il canale. Ce ne sono davvero tanti e meravigliosi.
IMG_2107
IMG_2111

IMG_2092

Continuando il percorso, poi, si arriva nei pressi di Camden Lock dove, con un po’ di fortuna, è possibile assistere ad un avvenimento davvero singolare per una città così moderna: le Chiuse. Si tratta dell’apertura e chiusura di antichi sbarramenti artificiali per permettere il passaggio delle House Boat livellando l’acqua nel canale. È molto suggestivo assistere all’apertura delle due grosse ante in legno mentre il capitano della casetta galleggiante, ruota a mano una grande manopola in ferro.

IMG_2066IMG_2703

Anche il food market di Camden town si affaccia proprio sul canale. Questo punto affollatissimo è davvero particolare. Gli odori di ogni tipo degli stand di cibo proveniente da tutto il mondo confondono l’olfatto, ci sono persone dappertutto, chi in fila per un hamburger, chi per una apple pie, mentre gli altri con i piedi a penzoloni sul canale consumano il loro pasto ancora bollente.
Poco più avanti si incrocia un castello, il PIRATE, sede di una scuola di canoa che utilizza il canale per le lezioni di pratica.
Il percorso prosegue fino ad uno scorcio bucolico che sembra per certi tratti un dipinto di Monet. Sulla destra, veri e propri angoli arredati, come fosse il giardino di una casa di campagna con tanto di tavoli, sedie, fioriere, stoviglie e panni stesi. Dall’altro lato, una serie di House Boat colorate, attraccate una di fianco all’altra.
Una peculiarità del canale, infatti, è quella di essere attraversato da decine di House Boat variopinte. Sono delle vere e proprie case galleggianti provviste di ogni tipo di comfort, personalizzate con accessori e nomi, e abitate da famiglie o gruppi di amici che molto cordialmente salutano e sorridono a chi passeggia lungo gli argini. È successo anche a me e quel saluto mi ha riportata con i piedi per terra, ma ci ho messo qualche secondo a realizzare dove fossi!

Tra gli incontri più bizzarri, un elegante pavone, noncurante della presenza di tanti estranei in quella che considera casa sua.

IMG_2163

Gli amanti della lettura troveranno anche una piccola biblioteca gallengiante, molto raccolta e piena piena zeppa di libri con appositi divanetti sia all`interno del bookboat, sia all’aperto. Un modo davvero rilassante per intraprendere una nuova lettura.

IMG_2715IMG_2725
Insomma, Regent’s Canal è il posto ideale per trascorrere una giornata in assoluta tranquillità staccando la spina dalla frenesia della città, per meditare, camminare e immergersi nella natura, regalandosi così un po’ di relax e spensieratezza. 

One comment Add yours
  1. Condivido in pieno: non prevedi dei placidi canali quando ti metti in viaggio verso Londra, ma quando li scopri ne apprezzi “l’abitabilità”: potere dell’acqua!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *