Love me two times

La mia prima volta a Londra, nel 2005, durante una gita scolastica, è stata quasi traumatica. Non ebbi una bella impressione, non accettavo il freddo gelido a meta novembre e quest’aria cupa, grigia e spenta mi metteva angoscia.
Passai tutta la giornata estasiata dalle opere d’arte del National Gallery, delusa dal cibo e completamente congelata. Insomma un fallimento!

Oggi sono qui a scrivere di Londra, sul mio blog nato da poco più  di un mese.
Oggi che Londra, dopo anni di sali e scendi è  diventata paradossalmente la mia seconda casa, il mio secondo posto nel mondo, il mio angolo di riflessione, la mia rinascita, la mia ricarica.
Oggi che, diversi giorni dopo il Brexit, riesco a dedicarle nuovamente parole.
Io che rassicuravo gli altri convinta che l’UK sarebbe rimasta in Europa e avevo scritto anche un post che avrei pubblicato il giorno dopo il referendum.
Ma non l’ho fatto.
Il post è ancora lì , tra le note del mio Chromebook dopo aver letto, sullo schermo del mio cellulare : UK VOTES TO LEAVE THE EU.
Ho fissato quella frase per circa dieci minuti, impietrita nel letto. Speravo fosse solo un brutto sogno, che mi sarei svegliata di li a breve. E invece NO, era pura realtà.

Mi è dispiaciuto tanto e mi è mancata la voglia di continuare a riempire questo spazio a cui tengo davvero molto.

Ma dopo aver seguito un po’ le notizie, sentito ed essermi confrontata con i miei amici e soprattutto gli inglesi stessi, amareggiati per questa ignobile decisione, mi sono detta che LONDRA non merita questo e che, a prescindere da come andrà  a finire tutta questa storia rimarrà, come tante altre città del mondo, una meta turistica e sempre bella da vivere e visitare anche solo per qualche giorno. Per questo io continuerò a scrivere di lei.
E vi spiego anche le mie ragioni.
Da qualche anno circa, ogni volta che l’aereo oltrepassa la manica io cambio.
Mia mamma, molto ironicamente, dice sempre che superate le Alpi mi spoglio di tutte le mie ansie, paure e fissazioni e…vivo.
In un certo senso è la verità.

Mettere piede in una metropoli come Londra ti modifica la vita totalmente.
Certo, io ho una situazione molto piacevole dietro queste trasferte, ma cuore a parte, la città deve comunque farti un certo effetto per poterti colpire e poterci tornare o viverci sempre con gli occhi e il cuore pieni di gioia.

La mia particolarità è quella di vivere Londra perennemente con gli occhi dell’amore anche quando vieni strattonata durante una pioggia insistente e ti inzuppi completamente perchè il tuo ombrello ti ha scrollato tutta l’acqua addosso.
O quando non vedi il sole per giorni nonostante la mia regione d’origine abbia 340 giorni su 365 il sole.

Londra è bella perchè non sei mai sola e non ti fa sentire diversa o di troppo.

Ciò che adoro di più è proprio prendere il bus, sedermi al secondo piano, avanti se possibile e deliziarmi del paesaggio che scorre al suo avanzare .
Durante il percorso amo immaginare la vita della gente seduta accanto a me, che scambia due chiacchiere con il compagno di fianco oppure al telefono, ma otto  persone su 10 dieci parlano tutti lingue diverse.
Tutti con una storia, con un motivo, con una speranza in più, che sono lì, lontani dalla loro famiglia d’origine, dal loro paese, con quella determinazione e aspettativa da far invidia.

Mi piace entrare nei negozi fare la spesa, scorgere cibi di ogni tipo nelle corsie e incrociare persone che riempiono i loro carrelli con i prodotti tipici della loro terra d`origine fantasticando sulla loro ipotetica cena.

Amo incrociare uomini di ogni razza e colore che, dopo una estenuante giornata di lavoro, escono dai supermercati all`ultima ora, con mazzi di fiori comprati a metà prezzo per strappare un sorriso alla propria donna.

E` bello vedere studenti da ogni parte del mondo che consumano il loro lunch nel cortile dell’università mentre discutono delle loro lezioni .

E` piacevole incontrare nei cafè o ristoranti, italiani con cui scambiare due battute per sentirti subito a casa, e magari subito dopo conoscere un tedesco o francese o spagnolo.

Londra è tanto bizzarra quanto speciale .
Ti accoglie e ti avvolge quasi a proteggerti, poi ti lancia, ti abbandona e ti mette alla prova.
Ti catapulta tra milioni di persone che corrono freneticamente a destra e sinistra mentre tu sei li ferma ad osservare con gli occhi persi nel vuoto.
Londra puoi amarla o odiarla oppure amarla e odiarla allo stesso tempo.
Londra è tentazione.
Londra è curiosità.
Londra è incoraggiamento.
Londra è potere.
Londra è quel posto che ti fa dire, cavoli ho tutte le carte in regola per raggiungere il mio sogno, il mio obiettivo.
Ti stimola, ti apre la mente, ti aiuta a riflettere e  credere più in te stessa.

Ecco perchè  io penso che tutti noi dovremmo almeno una volta nella vita fare una piccola sosta in questa città, per crescere, allargare i nostri orizzonti, metterci alla prova, con l’augurio di poterlo fare SEMPRE con la STESSA LIBERTÀ  di adesso.

A prestissimo 😘😊

IMG_2760

11 comments Add yours
  1. Io ci sono stata la prima volta nel 2008 e l’ho amata subito, al punto che decisi che un giorno avrei vissuto lì. Poi ovviamente le cose cambiano, ma non lo sguardo sognate che ho tutte le volte che mi imbatto in articoli, foto, video su Londra. Questo post mi ha fatto venir voglia di tornarci subito!😃

      1. Se ti va, poi fammi sapere come l’hai trovato. Se invece non dovessi più sentirti, per me avertelo fatto scoprire è già una grande soddisfazione. Grazie a te per la risposta! 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *