La Riserva Naturale di Torre Guaceto

Non è estate senza Puglia, non è estate senza mare.
Voglio iniziare col botto, raccontandovi uno dei posti più belli di questa regione, anche se siamo a fine luglio e sicuramente la maggior parte di voi avrà già fatto tappa da qualche parte.

IMG_3810

Ci troviamo a sud e questo significa essere enormemente fortunati, tanto da non esser mai troppo tardi per una giornata al mare. Almeno fino a settembre inoltrato eheh .
Quindi non perdiamoci in chiacchiere, oggi andiamo in provincia di Brindisi e in particolare nella Riserva Naturale di Torre Guaceto. Questo angolo di paradiso si trova sulla costa adriatica, a pochi km dal capoluogo di provincia sopracitato.

Che dire di Torre Guaceto, ti sbalordisce semplicemente.
La sua natura selvaggia, la sabbia morbida e chiara, racchiusa da dune, arbusti e canneti che contornano il mare cristallino, con quei colori che spaziano dal verde acqua all’azzurro tenue al blu, ti lasciano quasi immaginare le tanto bramate spiagge caraibiche.

Il panorama è un incanto, mi risulta anche difficile descriverlo perché ti lascia senza parole ma con una pace e una gioia mentre osservi da farti rimanere con il sorriso per tutta la giornata, nonostante l’impanatura ricevuta dal bimbo di turno che ti scorrazza intorno.

La riserva oltre a permetterti di bagnarti in questo mare paradisiaco sostando sulle sue spiagge, consente di visitare l’area circostante con o senza guida. Io vi consiglio il percorso guidato perché ti permette di osservare luoghi e dettagli che probabilmente da autodidatti non riuscireste a scorgere.

Durante l’escursione è prevista una tappa sulla  “spiaggia delle conchiglie” dove ovviamente è possibile bagnarsi.
Ci si addentra in paesaggi, che per gli amanti della natura e dell’ecologia sono il massimo della bellezza. Si passa dalla macchia mediterranea a luoghi più umidi, paludosi, fino ad una distesa di ulivi secolari dal quale viene prodotto un olio evo pregiatissimo ( qui un articolo dove vi racconto i prodotti tipici della Riserva Naturale di Torre Guaceto e qualche altra foto).

IMG_3813

La nota distintiva della riserva è proprio la variabilità del territorio, che termina con le dune. Questo accumulo di sedimento sabbioso caratterizzano Torre Guaceto anche per la ragione della loro formazione grazie al vento che spira dal mare, molto spesso presente sulla costa e le piante pioniere che crescono in spiaggia bloccando i granelli di sabbia in arrivo.

La costa è molto varia, troviamo anche una falesia rocciosa con piccole insenature meravigliose in prossimità della Torre da cui prende il nome la riserva.

La riserva inoltre, offre diversi percorsi dal ciclotrekking, allo snorkeling, al bird watching, quindi cosa aspettate ad inserire tra i must in puglia questo incanto? Io vi aspetto 🙂

2 comments Add yours

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *